Progetto “Turismo Esperienziale e Interpretazione del Patrimonio Culturale” 

Premessa:

Come pronosticato da Pine e Gilmore nel 1999, stiamo assistendo ad un passaggio dall’economia dei servizi ad una economia delle esperienze, la trasformazione riguarda ormai non solo i settori storicamente legati al turismo ed alla cultura ma anche quello dei servizi e della commercializzazione dei prodotti (marketing esperienziale). Non a caso, solo per citare l’Italia, il Dossier del Piano strategico di sviluppo del turismo per il periodo 2023-2027 approvato nel maggio 2023 dalle Commissioni attività produttive di Camera e Senato riporta i termini “esperienze” ed “esperienziali” più di 30 volte sottolineando in più occasioni come il Turismo ed il Marketing Esperienziale siano un elemento strategico per lo sviluppo turistico. Lo stesso piano strategico mette in risalto anche l’importanza sia la qualità delle offerte turistiche certificate attraverso un marchio, sia la formazione dei professionisti delle esperienze.  Tutto questo comporta la necessità che le imprese (e i singoli professionisti), si preparino a quella che potremmo chiamare la Transizione Esperienziale che permetterà loro di mettere a disposizione i propri prodotti e servizi sotto forma di “Offerte Esperienziali”. Infine, essendo spesso la “materia prima” di molte esperienze, il Patrimonio Culturale, è opportuno promuovere strumenti innovativi e olistici che ne permettano, nel segno della tutela e dello sviluppo sostenibile, la promozione e la valorizzazione.  

La Transizione Esperienziale si basa quindi su cinque importanti pilastri:

  1. Le Offerte Esperienziali sempre più crescenti nell’economia delle esperienze e le organizzazioni interessate a offrirle.
  2. La Garanzia delle Qualità delle Offerte Esperienziali
  3. Le Professioni interessate ed il loro riconoscimento a norma di legge
  4. La Formazione aziendale e professionale
  5. Il Patrimonio Culturale alla base di molte offerte esperienziali

Il Progetto

Il progetto nasce come risposta alla Transizione Esperienziale in atto e presenta i seguenti obiettivi:

  • Promuovere e valorizzare la Cultura Esperienziale e della Qualità e favorire la transizione delle imprese e della società verso un’economia esperienziale (Transizione Esperienziale)
  • Promuovere e valorizzare le competenze esperienziali in ambito turistico, culturale, dello spettacolo e commerciale
  • Promuovere strumenti innovativi e olistici per la promozione, valorizzazione e tutela del Patrimonio Culturale

Per raggiungere tali obbiettivi sono stati attivate diverse iniziative:

1) Campagna “Turismo Esperienziale e Interpretazione del Patrimonio Culturale per un Turismo Innovativo”

    • 1.1) Il Web delle Conoscenze: Realizzazione di aree web di approfondimento con articoli, schede di approfondimento e linee guida fruibili gratuitamente.
        • Speciale “Turismo e Marketing Esperienziale” 
        • Speciale “Musei, Ecomusei e Centri di Interpretazione”
    • 1.2) Diffusione delle Competenze: Possibilità di fruire gratuitamente dei seguenti corsi base:
        • SPE200: Fondamenti e Pratiche del Turismo Esperienziale (16 ore online): Questo corso mira a promuovere l’alfabetizzazione esperienziale, introducendo i principi fondamentali delle esperienze e dimostrando, mediante esempi pratici, la loro applicazione nel settore del turismo esperienziale.
        • SPE201: Fondamenti e Pratiche di Heritage Interpretation(16 ore online): Questo corso si prefigge di promuovere un approccio olistico alla valorizzazione del territorio, introducendo i principi fondamentali delle esperienze e dell’Interpretazione del Patrimonio Culturale. Attraverso esempi pratici, verrà illustrato come questi principi si concretizzino nell’ambito della Heritage Interpretation.
    • 1.3) I Libri delle Esperienze: Serie di pubblicazioni dedicate ad approfondire vari aspetti del Turismo Esperienziale e dell’Interpretazione del Patrimonio Culturale. Questi volumi offrono una panoramica completa e dettagliata, ideale per professionisti, studiosi e appassionati del settore. 
        • 1.3.1) Percorsi Esperienziali e Interpretazione del Patrimonio Culturale Vol. 1: Origini e Principi Teorici Questo volume esplora le radici e i fondamenti teorici del turismo esperienziale e dell’interpretazione del patrimonio culturale, fornendo una base solida per ulteriori studi e applicazioni pratiche.
        • 1.3.2 Turismo e Marketing Esperienziale: Principi, Casi di Studio, Marchio di Qualità Esperienziale, Competenze e Profili Professionali Un’analisi approfondita dei principi del turismo e del marketing esperienziale, arricchita da casi di studio concreti. Il volume esamina anche il Marchio di Qualità Esperienziale e delinea competenze e profili professionali nel settore.
        • 1.3.3 Dagli Ecomusei ai Centri di Esperienze di Interpretazione del Patrimonio (CEIP) Una panoramica sui progressi dal concetto di ecomuseo fino ai moderni Centri di Esperienze di Interpretazione del Patrimonio, esplorando l’evoluzione e l’innovazione nel campo.
        • 1.3.4 Il Ciclo delle Competenze per la Costruzione di Profili Professionali e Standard Formativi Questo volume si concentra sullo sviluppo delle competenze necessarie per costruire profili professionali efficaci e standard formativi nel rispetto di standard internazionali quali EQF ed ECVET.

I libri delle Esperienze sono disponibili in commercio, inclusa la piattaforma Amazon, dove possono essere acquistati anche utilizzando il Bonus Cultura e il Bonus Carta del Docente. Per agevolare l’accesso ai libri da parte di studiosi e interessati, è possibile effettuare il download gratuito dei volumi dal sito ACADEMIA.EDU. Troverete le istruzioni dettagliate per la frequenza dei corsi e per il download nelle schede informative nella pagina dedicata della campagna “Turismo Esperienziale e Interpretazione del Patrimonio Culturale per un Turismo Innovativo”

Inoltre, sia i corsi sia i libri delle Esperienze saranno presto disponibili anche in lingua inglese.  

2) Standardizzazione, Valorizzazione e Promozione delle Competenze Esperienziali 

    • 2.1) Standard delle Competenze Professionali: Istituzione di schemi contenenti le competenze dei professionisti esperienziali in linea agli standard europei EQF ed ECVET
    • 2.2) Attestazione delle Competenze: Attestazione ai sensi di legge delle competenze delle figure esperienziali ed ecomuseali interessate (Attestazione di Qualità e Qualificazione ai sensi della legge 4/2013 che permette tra l’atro di ottenere incarichi professionali nella Pubblica Amministrazione (DPCM 14/10/2021)
    • 2.3) Realizzazione delle Banche Dati Esperienziali: Sono state realizzate le prime Banche Dati multimediali, integrate e con tecnologia Web 3.0 a cui è possibile chiedere di essere inseriti gratuitamente:
        • Banca Dati delle Offerte Esperienziali
        • Banca Dati Professionisti delle Esperienze
        • Banca Dati dei Percorsi Formativi
        • Banca dati mondiale degli Ecomusei e dei Centri di Esperienze di Interpretazione del Patrimonio Culturale
    • 2.4) Marchio di Qualità Esperienziale ®: Istituzione del Marchio di Qualità Esperienziale “QE” che assume l’importante funzione di Garanzia nei confronti dell’utenza in quanto attesta la capacità di realizzare offerte esperienziale di qualità.
    • 2.5) Patente Internazionale delle Esperienze (IEL) (TM): Istituzione della Patente Internazionale delle Esperienze (PIE) che attesta il possesso delle competenze esperienziali necessarie per operare nel settore delle Esperienze.
    • 2.6) Formazione Professionale: Realizzazione di percorsi formativi aziendali e professionali 

Tutte le Imprese, Associazioni di Categorie e parti interessate al progetto possono chiedere ulteriori informazioni sui singoli aspetti e valutare la propria partecipazione come partner: experience@centrostudihelios.it

TUTTE LE INFORMAZIONI SUL PROGETTO SONO STATE SPOSTATE NELLA NUOVA PIATTAFORMA CREATA APPOSITAMENTE CHE VI INVITIAMO A VISITARE:

Itinerari Esperienziali